1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Torna alla Home

La Transumanza

La pratica della Transumanza, fin dai tempi remoti, ha segnato e caratterizzato profondamente la realtà toscana e non solo. Il viaggio stagionale di uomini e greggi ha fondato quella che può essere definita come “civiltà della transumanza”, un insieme di valori culturali, ambientali e antropici che hanno consolidato un’identità storica e sociale.
In relazione a tale pratica stagionale si sono generati nei secoli vie di transito (i famosi tratturi), tradizioni alimentari, pratiche di trasformazione del latte e dei formaggi e si sono messi in relazione territori diversi: dalla semi spopolata maremma all’aspra dorsale appenninica, transitando attraverso le colline del senese.
Il viaggio durava giorni e giorni, e spesso i contadini davano ospitalità ai pastori, in cambio di latte e di un po’ dei loro prodotti.
La Transumanza generò anche istituti giuridici. Le greggi in transito erano sottoposte a gabelle al pari di qualunque altra merce. Il Monte dei Paschi, per la fortuna anche dei senesi odierni, pose le basi proprio nel medioevo come istituto di credito fondiario per la gestione dei pascoli. Lungo il tratto senese, gli antichi sentieri attraversano ancora oggi borghi medievali, pievi, castelli ed aree di grandissimo valore paesaggistico e naturalistico: la Val di Merse, le Crete Senesi, la Val d’Orcia, l’Amiata, la Val di Chiana.
Percorrere oggi le aree storicamente interessate dalla Transumanza, a piedi, a cavallo o in bicicletta, significa dunque attraversare un territorio ricco di storia, cultura e tradizione, con un viaggio che permette di incontrare ancora pastori, oggi “stanziali”, che allevano il bestiame su pascoli naturali e trasformano il loro latte producendo ottimi formaggi, nonché vini eccellenti, olio d’oliva protetto da marchi di qualità e miele.

I Percorsi:

 

Nel cuore delle crete senesi

DALLA DIGA DEL CALCIONE ALLA BEFA
Punto di partenza: Diga del Calcione
Comune di Lucignano - Arezzo
Punto di arrivo: La Befa
Comune di Murlo
Lunghezza: 55 km circa

 

Benvenuti nel cuore delle Crete Senesi doveil viaggio assume un’importante chiave di lettura per capire il rapporto tra uomo e territorio. Si viaggia idealmente sulla scia di uomini e greggi affi dandosi alla scoperta di sapori ed essenze che caratterizzano i prodotti del territorio, dai formaggi ai salumi.


Profumo di maremma, colore rosso di montalcino, aria di montagna

DALLA BEFA ALLA CONFLUENZA
DELL’ORCIA E DELL’ASSO
Punto di partenza: La Befa,
Comune di Murlo
Punto di arrivo: confl uenza Orcia Asso,
Comune di Montalcino
Lunghezza: 29 km

Dai boschi della Val di Merse immersi in una natura selvaggia e integra si raggiunge il piccolo Far West delle Terre di Siena a La Befa, villaggio con stazione ferroviaria. La parte finale del viaggio è un crescendo che tocca i suoi punti più“alti” a Montalcino, definito da Alfonso Gatto “davanzale per l’apocalisse” e l’abbazia di Sant'Antimo, tra gli ulivi e i vigneti del leggendario Brunello.


La poesia della Val d’Orcia, strade e cipressi lungo il fiume

DALLA CONFLUENZA DELL’ORCIA E DELL’ASSO
ALLA FATTORIA DELLA FOCE
Punto di partenza: Confl uenza Orcia - Asso
Comune di Montalcino
Punto di arrivo: La Foce
Comune di Chianciano Terme
Lunghezza: 28 km circa

Viaggio nell'armonia del paesaggio su percorsi che sembrano navigare inseguendo creste tra cipressi, antichi poderi e geometrie di terra. Queste terre sintetizzano il concetto di arte del paesaggio che trova nella Val d'Orcia l’espressione più vicina alla perfezione.
Si cavalca tra colline e ampie valli affacciandosi su una terra disegnata dal vento, dall'acqua e dalla mano dell’uomo.


Sui crinali delle terre di siena fino alla rocca di ghino di tacco

DA TORRENIERI A RADICOFANI
Punto di partenza: Torrenieri
Comune di Montalcino
Punto di arrivo: Radicofani
Lunghezza: 104 km

 

Viaggio straordinario che attraversa da nord a sud il territorio senese collegando le Crete Senesi alla Val d'Orcia passando per il polmone verde del Monte Cetona. Grandi spazi e vedute indimenticabili accompagnano la traversata in questo paradiso terrestre fino alla salita verso la Rocca di Ghino di Tacco, impareggiabile belvedere sulle Terre di Siena, dalla Val d'Orcia all'Amiata, dalle Crete al Monte Cetona.

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

TERRE DI SIENA A PIEDI

In collaborazione con Toscana Promozione

Facebook

Twitter - @Terredisiena

Terredisiena Chianciano Terme:la ninfa e la super luna su Facebook #Chianciano Terme:the Nymph and the Supermoon on Fb page #Tuscany #ToscanaOvunqueBella pic.twitter.com/OvCfAEN8HJ
Terredisiena Tra la terra e il cielo, l'Abbazia di #SanGalgano . Between Earth and sky, San Galgano Abbey. Ph. Crdits Francesco Santantoni Flickr #Tuscany pic.twitter.com/yuDqQYmBtp
Terredisiena "Ghino di Tacco veglia ancora su Radicofani, lo sguardo come una freccia verso la cima della sua Rocca." #Toscana amarisla.com/radicofani-cosa-vedere-borgo-ghino-tacco/ pic.twitter.com/2k4liCvUZm

I NOSTRI VIDEO

Il nostro sito utilizza i cookies per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookies.