1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Torna alla Home

Ponte d'Arbia

 

Ponte d'Arbia e' un piccolo borgo situato lungo la Via Cassia fra Monteroni d'Arbia e Buonconvento, in comune di Monteroni: come dice il toponimo e' caratterizzato dal ponte che scavalca il torrente Arbia e nei cui pressi si trovano un mulino, oggi trasformato in albergo, e una piccola cappella.

La cappella, che esternamente si presenta come un edificio poco interessante, in realta' un tempo si trovava distante alcune decine di metri dall'attuale collocazione ed ha una grande valenza storica: infatti, e' stata eretta per ricordare il punto preciso dove avvenne la morte di un grande personaggio della storia medioevale, l'imperatore Enrico VII di Lussemburgo, sceso in Italia nel 1311 per restaurare il potere imperiale e porre fine alle rivalita' tra guelfi e ghibellini. 
Eletto re di Germania nel 1308, nonostante l'opposizione del re di Francia Filippo il Bello, che appoggiava suo fratello Carlo di Valois, fu incoronato ad Aquisgrana il 6 gennaio 1309, nonostante non fosse giunta ancora da Avignone l'approvazione di Clemente V. 
Chiamato dal papa per mettere pace fra le citta' del nord, Arrigo scese in Italia nel 1310, con la moglie Margherita e fu incoronato, l'anno successivo, re dei romani a Milano. L'intervento pacificatore dell'imperatore, a lungo caldeggiato anche dallo stesso Dante nell'Epistola a lui indirizzata, che vedeva in lui l'ideale di monarca universale, che teorizzera' nella Monarchia e a lui legava l'ultima possibilita' di rientrare nella sua Firenze, fu, tuttavia, osteggiato dai comuni guelfi e dal re di Napoli, segretamente istigati da papa Clemente V. Nel 1312 fu incoronato imperatore a Roma. Alleandosi con Venezia e con Federico II d'Aragona, re di Sicilia, tento' di organizzare una spedizione contro Roberto d'Angio', ma mori' il 24 agosto 1313 a Serravalle, presso Ponte d'Arbia, in provincia di Siena. 
La leggenda vuole che fosse stato avvelenato da un sacerdote tramite un'ostia durante il rito della comunione a Buonconvento. Nel punto esatto in cui mori' e' stata eretta una piccola cappella, situata sul percorso della vecchia via Cassia. Quando il tracciato fu cambiato, la chiesa venne abbattuta e spostata sul ciglio della strada, dove e' ancora oggi visibile.

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

TERRE DI SIENA FRANCIGENA

In collaborazione con

Facebook

Twitter - @Terredisiena

Terredisiena Sulla nostra pagina Facebook gli eventi e le descrizioni per la nuova edizione del #TrenoNatura ! #Toscana #ValdOrcia pic.twitter.com/2GCMKlZ69Z
Terredisiena Amiata: il più grande vulcano spento della #Toscana . Mount #Amiata : the biggest extinguished volcano in #Tuscany . Ph via @SIENANEWS website pic.twitter.com/aliMzzZXYm
Terredisiena Non servono parole nell'ora della bruma. No words are needed in the mist hour. Credits Giuseppe Moscato via @VisitTuscany #Toscana #Tuscany pic.twitter.com/SnQMHo3Cgx

I NOSTRI VIDEO

Il nostro sito utilizza i cookies per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookies.