1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Torna alla Home

Monteriggioni

MonteriggioniIn cima a un colle verde d’oliveti s’ergono i quattordici “giganti” stretti in possente girotondo.
Monteriggioni è la porta senese alla Val d’Elsa e così fu concepita dalla Repubblica che la volle a presidio della Francigena. Oggi varcare la porta Romea o Franca (e il riferimento alla Francigena è immediato) è come spingere il pulsante di un ascensore del tempo.

Si esce in una dimensione di Medioevo vivo. Che si appalesa lungo via Maggio, nello slargo di piazza Roma dove il sole scalda e il profumo di bosso e d’ulivo inebria, nella visita al museo "Monteriggioni in arme" e alla Parrocchiale dell’Assunta, austera nella sua linearità. Oltre la cerchia di mura, dove ancora svetta una casa torre, ci attende una storia altrettanto densa.

Alla ricerca delle origini si va verso Abbadia Isola potentissima abbazia che dette luogo ad un paese murato. Anche qui la straniante presenza del tempo fa percepire la millenaria origine e la visita alla chiesa dei santissimi Salvatore e Cirino regala il primo incontro con l’arte: di Sano di Pietro (che ci riporta alla scuola duccesca), di Taddeo di Bartolo e del Tamagni.

Abbadia a Isola consente di solcare ancora un tratto della Francigena così come lo descrisse Sigerico, vescovo longobardo, che fu il primo a redigere un baedeker del pellegrinaggio verso Roma.
Oltre Abbadia troviamo Strove, borgo ancor più antico dell’insediamento monacale, arroccato sulla provinciale 74. Con tutta probabilità il primo insediamento è di poco posteriore al VI secolo e ce lo testimonia l’antica pieve a capanna. Ma qui il tempo è una dimensione concreta, basta allungarsi nelle ex paludi del Canneto e nei pressi di Scrana visitare la necropoli etrusca, collocata al IV secolo a.C.

Un’indagine territoriale ci porta a scoprire altri luoghi dello stupore: il trecentesco Castello della Chiocciola, la bellissima Villa di Santa Colomba, residenza del signore di Siena Pandolfo Petrucci a cavallo fra Quattrocento e Cinquecento. La villa fu un’immensa tenuta agricola e il corpo dominicale superfetato da una precedente fortificazione ha trovato in Giorgio Vasari il suo primo cantore, tanto solida e armoniosa ne è l’architettura.

 

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Facebook

Twitter - @Terredisiena

Terredisiena Sulla nostra pagina Facebook gli eventi e le descrizioni per la nuova edizione del #TrenoNatura ! #Toscana #ValdOrcia pic.twitter.com/2GCMKlZ69Z
Terredisiena Amiata: il più grande vulcano spento della #Toscana . Mount #Amiata : the biggest extinguished volcano in #Tuscany . Ph via @SIENANEWS website pic.twitter.com/aliMzzZXYm
Terredisiena Non servono parole nell'ora della bruma. No words are needed in the mist hour. Credits Giuseppe Moscato via @VisitTuscany #Toscana #Tuscany pic.twitter.com/SnQMHo3Cgx

I NOSTRI VIDEO

Il nostro sito utilizza i cookies per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookies.