1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

JOIN THE NEWSLETTER
Torna alla Home

The practice of Transhumance

 

The practice of Transhumance

, from remote times, has deeply marked and characterised life in Tuscany and elsewhere. The seasonal journey of men and animals has founded what can be called the "civilisation of transhumance"; a combination of cultural, environmental and anthropic values which have consolidated a historical and social identity.
In relation to this seasonal practice, paths (famously known as "tratturi") have been generated over the centuries, along with dietary traditions, techniques for processing milk and cheeses, and relationships between the various territories: from the virtually uninhabited Maremma to the harsh Apennine ridge, crossing the hills of Siena.
The journey lasted days and days and, often, the farmers offered the herders hospitality in exchange for milk and some of their products.
Transhumance also generated juridical institutions. The animals in transit were subject to taxes, just like all other goods. The Monte dei Paschi bank, luckily also for the people of Siena today, laid its foundations in the Middle Ages as a credit institute for the management of the pastures. Along the stretch through the province of Siena, the old paths still cross medieval villages, parish churches, castles and areas of outstanding landscape and natural prestige: Val di Merse, the Crete Senesi, Val d’Orcia, Mount Amiata and Val di Chiana.
Travelling the areas historically involved in Transhumance, on foot, horseback or bike, means crossing a territory rich in history, culture and tradition, on a journey which still allows visitors to meet herders today. These modern-day herders are "stable", raising their livestock on natural pastures and transforming their milk into excellent cheeses, as well as producing outstanding wines, olive oil protected by quality marks and honey.

I Percorsi:

 

Nel cuore delle crete senesi

DALLA DIGA DEL CALCIONE ALLA BEFA
Punto di partenza: Diga del Calcione
Comune di Lucignano - Arezzo
Punto di arrivo: La Befa
Comune di Murlo
Lunghezza: 55 km circa

 

Benvenuti nel cuore delle Crete Senesi doveil viaggio assume un’importante chiave di lettura per capire il rapporto tra uomo e territorio. Si viaggia idealmente sulla scia di uomini e greggi affi dandosi alla scoperta di sapori ed essenze che caratterizzano i prodotti del territorio, dai formaggi ai salumi.


Profumo di maremma, colore rosso di montalcino, aria di montagna

DALLA BEFA ALLA CONFLUENZA
DELL’ORCIA E DELL’ASSO
Punto di partenza: La Befa,
Comune di Murlo
Punto di arrivo: confl uenza Orcia Asso,
Comune di Montalcino
Lunghezza: 29 km

Dai boschi della Val di Merse immersi in una natura selvaggia e integra si raggiunge il piccolo Far West delle Terre di Siena a La Befa, villaggio con stazione ferroviaria. La parte finale del viaggio è un crescendo che tocca i suoi punti più“alti” a Montalcino, definito da Alfonso Gatto “davanzale per l’apocalisse” e l’abbazia di Sant'Antimo, tra gli ulivi e i vigneti del leggendario Brunello.


La poesia della Val d’Orcia, strade e cipressi lungo il fiume

DALLA CONFLUENZA DELL’ORCIA E DELL’ASSO
ALLA FATTORIA DELLA FOCE
Punto di partenza: Confl uenza Orcia - Asso
Comune di Montalcino
Punto di arrivo: La Foce
Comune di Chianciano Terme
Lunghezza: 28 km circa

Viaggio nell'armonia del paesaggio su percorsi che sembrano navigare inseguendo creste tra cipressi, antichi poderi e geometrie di terra. Queste terre sintetizzano il concetto di arte del paesaggio che trova nella Val d'Orcia l’espressione più vicina alla perfezione.
Si cavalca tra colline e ampie valli affacciandosi su una terra disegnata dal vento, dall'acqua e dalla mano dell’uomo.


Sui crinali delle terre di siena fino alla rocca di ghino di tacco

DA TORRENIERI A RADICOFANI
Punto di partenza: Torrenieri
Comune di Montalcino
Punto di arrivo: Radicofani
Lunghezza: 104 km

 

Viaggio straordinario che attraversa da nord a sud il territorio senese collegando le Crete Senesi alla Val d'Orcia passando per il polmone verde del Monte Cetona. Grandi spazi e vedute indimenticabili accompagnano la traversata in questo paradiso terrestre fino alla salita verso la Rocca di Ghino di Tacco, impareggiabile belvedere sulle Terre di Siena, dalla Val d'Orcia all'Amiata, dalle Crete al Monte Cetona.

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

TERRE DI SIENA A PIEDI

In collaborazione con Toscana Promozione

Facebook

Twitter - @Terredisiena

Terredisiena Amiata: il più grande vulcano spento della #Toscana . Mount #Amiata : the biggest extinguished volcano in #Tuscany . Ph via @SIENANEWS website pic.twitter.com/aliMzzZXYm
Terredisiena Non servono parole nell'ora della bruma. No words are needed in the mist hour. Credits Giuseppe Moscato via @VisitTuscany #Toscana #Tuscany pic.twitter.com/SnQMHo3Cgx
Terredisiena Chianciano Terme:la ninfa e la super luna su Facebook #Chianciano Terme:the Nymph and the Supermoon on Fb page #Tuscany #ToscanaOvunqueBella pic.twitter.com/OvCfAEN8HJ

VIDEOS

This site employs cookies, for both technical and profiling reasons. If you continue browsing, it means you accept their use.