1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

JOIN THE NEWSLETTER
Back to Home

Museo della Mezzadria

museomezzadriaIl museo ha l'ambizione di affrontare un tema vasto e complesso, lungo un percorso che, dal paesaggio agrario, conduce man mano il visitatore nel mondo della mezzadria di Buonconvento: la fattoria, il paese, il podere.

Gli spazi, suddivisi in due piani, sono stati accuratamente restaurati. Gli oggetti, i filmati, le fotografie diventano parti di scene spesso cementate dalle parole di alcune figure parlanti, che rappresentano i protagonisti della mezzadria.

Appartiene al Sistema dei Musei Senesi.


Prezzi

intero: 4.00 euro
ridotto: 2.00 euro
Ingresso per scolaresche: 20.00 euro

Orari
Aperto dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00
Chiuso nei giorni di lunedì e 1 Maggio, 15 Agosto, Natale, Capodanno

Indirizzo: La Tinaia - Piazzale Garibaldi - Buonconvento
Tel.: 0577 809075
web: www.museomezzadria.it
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

 

Le terre dell'uomo 

Le Crete Senesi sono uno degli esempi più significativi attraverso cui si può conoscere il mondo della mezzadria, costituito da fattorie, paesi, poderi; dalle “grance” caratteristici fabbricati con funzioni di magazzino e di granaio presenti sul territorio a Buonconvento, dove è possibile visitare un museo dedicato a tutto ciò, il Museo della Mezzadria.
Una terra da visitare dall’aristocratica ruralità.

 

 

Le Grance 

La parola “grancia”, di derivazione francese, indica un fabbricato con funzioni di magazzino e di granaio. Nel medioevo le grance sono edifici rurali situati nella proprietà di un’abbazia per la custodia dei prodotti agricoli.

Originariamente le grance senesi riuniscono entrambi questi caratteri: dipendono dallo Spedale di Santa Maria della Scala di Siena e si compongono di fabbricati destinati ad accogliere le raccolte di un’estesa proprietà. Ma le grance aggiungono in terra di Siena una loro specificità...

 

 

Il Travertino 

Le attività estrattive sono restate per secoli occasionali dettate dalle contingenze di un singolo ordine per qualche palazzo cittadino. Alla fine dell’800 la formazione di un mercato nazionale italiano dà nuovo slancio all’escavazione e alla lavorazione del travertino.

Le prime piccole aziende sono composte da una sola famiglia, 15-20 persone che lavorando insieme concorrono a creare un artigianato specializzato.

 

 

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

WATCH THE VIDEO

DOWNLOAD BROCHURE

Facebook

Twitter - @Terredisiena

VIDEOS

This site employs cookies, for both technical and profiling reasons. If you continue browsing, it means you accept their use.